Il legame profondo fra la grande arte, la terra di San Francesco e la storia

C’è un legame profondo e intenso fra l’Umbria, terra in cui nasce e vive Bottega Tifernate e i grandi artisti, un legame che si nutre dei paesaggi, della bellezza, della quiete e della grande tempra e umanità di questa gente. Un territorio che ha dato i natali e affascinato grandi artisti e pittori.


Questo filo rosso è tornato ad essere visibile durante la pandemia, quando tutto il mondo, collegato per ascoltare le parole di Papa Francesco, ha potuto ammirare alle sue spalle, la grande Pala della Resurrezione (alta 2,33 metri per 1,65). Un’opera che ha lo strano privilegio di essere visibile e invisibile: collocata nella Biblioteca privata del Pontefice, è testimone di grandi incontri fra i Papi e i personaggi più significativi della storia. E’ stata realizzata da Pietro Vannucci detto “il Perugino”, e così lega questa terra ai grandi eventi protagonisti del 2020. Fu commissionata da Bernardino di Giovanni da Orvieto, componente di un’importante famiglia umbra per l’altare della cappella di famiglia di San Francesco al Prato a Perugia nel 1499. Realizzata verosimilmente entro il 1501 , con i furti napoleonici finì a Parigi nel 1797; venne poi riportata in Italia nel 1815 e destinata a Roma, in Vaticano. Qualche anno dopo, Raffaello, già diventato ancora più grande del maestro, avrebbe dipinto sempre per San Francesco al Prato, una specie di “Pantheon di Perugia”, due delle pale più importanti, la Deposizione Baglionie l’Incoronazione, per due delle famiglie più in vista dell’epoca.
Le immagini dell’opera del Perugino in mondovisione a pochi giorni dal Cinquecentenario dalla morte di Raffaello “Principe” del rinascimento italiano, fa riemergere il filo rosso che lega questa piccola regione ai più grandi esponenti dell’arte italiana; un legame che torna ad essere in questi giorni così complessi, visibile, forte e bellissimo.

L’ANNO DI RAFFAELLO

BLOG

2 pensieri su “L’anno di Raffaello, inizia con il Capolavoro del suo Maestro, il Perugino, in Mondovisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.